Promenade des italiens

Autism Europe, al via a Nizza il congresso internazionale

11 Set , 2019  

Autism Europe

Autism Europe giunge alla sua dodicesima edizione e quest’anno il congresso sull’autismo è in programma a Nizza tra il 13 e il 15 settembre.

Il titolo dato a questo importante simposio internazionale è «Une nouvelle dynamique pour le changement et l’inclusion» .

Infatti Danièle Langloys, Présidente d’Autisme France, ha dichiarato: ” l’obiettivo del congresso è promuovere la partecipazione delle persone affette da autismo a tutti gli aspetti della vita sociale, in conformità con la Convenzione ONU sui diritti delle persone portatrici di handicap”.

Molti i conferenzieri di chiara fama internazionale che si alterneranno all’Acropolis nella tre giorni nizzarda e non manca una rappresentanza italiana.

Dalla Lombardia sono attesi Sante Bandirale, autore ed editore di Uovonero, casa editrice che realizza libri sul mondo dell’autismo e la dottoressa Enza Crivelli, socia e consulente scientifica dell’editrice cremasca.

La dottoressa Crivelli in questo podcast ci anticipa i contenuti del suo intervento ad Autism Europe:

, , , , , ,

Agenda

Nice Cinémapolis: 123 anni di cinema a Nizza

13 Ago , 2019  

Nice Cinemapolis, una delle locandine in mostra

“Nice Cinémapolis” è la mostra che racconta oltre un secolo di cinema prodotto e visto a Nizza.

Infatti l’esposizione di manifesti, oggetti di scena, costumi, documenti d’epoca racconta la settima arte non solo dal punto di vista di chi la fa ma anche di chi la guarda, creando un percorso parallelo dedicato alle sale storiche della città.

All’interno della meravigliosa villa Masséna, sede del Musée Masséna scrigno della memoria nizzarda da Napoleone alla Belle Époque, il percorso espositivo procede in ordine cronologico dai fratelli Lumière (con la proiezione di uno spezzone del 1901 in cui si vede la Jetée-Promenade) alla più recentissima serie americana “Riviera”.

Un proiettore in mostra nella prima sala.

Già dall’epoca dei pionieri del cinema Nizza non è solo un set occasionale ma la città diventa modello di produzione cinematografica, ispirandosi alla filiera americana di Hollywood.

Il progetto di un edificio sulla Promenada che ospitava una sala cinematografica, oggi invece d’è una nota discoteca.

Con le sue colline, i fiumi, le spiagge, le ville, le palme e l’esposizione alla luce della Costa Azzurra qui si creano le condizioni affinché questa diventi la California di Francia: nel 1930 di contano ben sei studios, compresa la Victorine sorta sull’omonima collina nel 1919.

La Victorine che ha appena compiuto cent’anni era, ed è ancora, un centro di produzione con teatri di posa, laboratori scenografici, sartorie, magazzino materiali, uffici ospitati all’interno di loft industriali progettati da Édouard-Jean Niermans, lo stesso architetto dell’hotel Negresco.

I primi titoli prodotti negli anni del muto a Nizza.

Ma veniamo ai titoli delle opere girate nella “baia des Anges” e che sono diventati cult appartenenti a tutti i generi e a tutte le epoche della cinematografia mondiale.

Attraverso le otto sale di “Nice Cinemapolis” troverete testimonianze di pellicole come “La Montée vers l’Acropole” (René Le Somptiere, 1920), “Shéhérazade” (Alexandre Volkoff, 1927), “Les pirates du rail” (Christian-Jaque, 1937), “Les Enfants du Paradis” (Marcel Carné, 1945), “Le Mystère Picasso” (Henry-Georges Clouzot, 1955), “Lady L.” (Peter Ustinov, 1964), “La nuit américaine” (Francois Tuffaut, 1972), “Le diamant du Nil” (Lewis Teague, 1985), “À propos de Nice, la suite” (collectif, 1994), “Magic in the Moonlight” (Woody Allen, 2013)

Uno dei ciak utilizzati per “Il conte di Monte Cristo” di Claude Autant-Lara del 1961.

Per ciascun film in mostra troverete il manifesto originale, lettere che documentano le fasi produttive, un oggetto sopravvissuto nel tempo, dei riferimenti precisi ai luoghi di Nizza e della Costa Azzurra dove la storia è stata girata.

“Nice Cinémapolis” è l’esposizione più importante ma in contemporanea ce ne sono altre in città che raccontano il legame tra Nizza e il cinema tra cui vi segnaliamo “Le diable au corps. Quand l’Op Art électrise le cinéma” al Mamac e non lontano dagli studi della Victorine agli Archives municipales de Nice c’è “Martine Carol & Lola Montès” (storia del set ospitato nel 1955 dentro villa Les Palmier, attuale sede degli archivi municipali).

“Nice Cinémapolis” resterà aperta fino al 30 settembre 2019, il biglietto di ingresso costa 10 euro e comprende la visita al museo Masséna e l’ingresso al Mamac.

Trovate tutte le informazioni pratiche sui 123 anni di cinema a Nizza sul sito cinema2019.nice.fr.

“Martine Carol & Lola Montès”
a villa Les Palmier

, , , , , ,

Agenda

Timenjoy app: tutti gli eventi della Côte sullo smartphone

29 Lug , 2019  

Timenjoy: il team di ideatori della app

Timenjoy è la app che risolve le vostre serate in Costa Azzurra.

Nata dalla mente di quattro nizzardi nel 2017, ad oggi è stata utilizzata da almeno 80 mila persone per trovare l’evento più cool in zona.

Mathilde Aylies, Thomas Rozier, Axel Hutin, Alain Fagot (di origini piemontesi!) sono 4 appassionati di eventi mondani con ottime competenze informatiche che hanno voluto creare un sistema innovativo per cercare la serata che fa per voi, anzi per “farvi trovare” dalla situazione che più si addice ai vostri gusti.

Ogni giorno ci sono decine di spettacoli teatrali, festival musicali, serate a tema in discoteca, concerti, mostre che magari si svolgono a pochi chilometri da dove ci troviamo ma di cui magari non si conosce l’esistenza, soprattutto se si è turisti stranieri in terra francese.

Ecco allora che basta “filtrare” nella app la tipologia di intrattenimento che più ci aggrada e dare la propria posizione geografia: in un attimo appariranno decine di cose da fare e da vedere a due passi da dove ci si trova.

I creatori di questa app che è utilizzabile anche tramite sito tradizionale o chiacchierando con il robottino Joy in chat, hanno conquistato la fiducia della giuria di Nice-Matin che a pieno diritto li ha inseriti nell’incubatore startup Le Mas.

Per farci spiegare come funziona nel dettaglio Timenjoy abbiamo intervistato la componente rosa del quartetto: Mathilde Aylies.

, , , , , ,