Agenda

Nice Cinémapolis: 123 anni di cinema a Nizza

13 Ago , 2019  

Nice Cinemapolis, una delle locandine in mostra

“Nice Cinémapolis” è la mostra che racconta oltre un secolo di cinema prodotto e visto a Nizza.

Infatti l’esposizione di manifesti, oggetti di scena, costumi, documenti d’epoca racconta la settima arte non solo dal punto di vista di chi la fa ma anche di chi la guarda, creando un percorso parallelo dedicato alle sale storiche della città.

All’interno della meravigliosa villa Masséna, sede del Musée Masséna scrigno della memoria nizzarda da Napoleone alla Belle Époque, il percorso espositivo procede in ordine cronologico dai fratelli Lumière (con la proiezione di uno spezzone del 1901 in cui si vede la Jetée-Promenade) alla più recentissima serie americana “Riviera”.

Un proiettore in mostra nella prima sala.

Già dall’epoca dei pionieri del cinema Nizza non è solo un set occasionale ma la città diventa modello di produzione cinematografica, ispirandosi alla filiera americana di Hollywood.

Il progetto di un edificio sulla Promenada che ospitava una sala cinematografica, oggi invece d’è una nota discoteca.

Con le sue colline, i fiumi, le spiagge, le ville, le palme e l’esposizione alla luce della Costa Azzurra qui si creano le condizioni affinché questa diventi la California di Francia: nel 1930 di contano ben sei studios, compresa la Victorine sorta sull’omonima collina nel 1919.

La Victorine che ha appena compiuto cent’anni era, ed è ancora, un centro di produzione con teatri di posa, laboratori scenografici, sartorie, magazzino materiali, uffici ospitati all’interno di loft industriali progettati da Édouard-Jean Niermans, lo stesso architetto dell’hotel Negresco.

I primi titoli prodotti negli anni del muto a Nizza.

Ma veniamo ai titoli delle opere girate nella “baia des Anges” e che sono diventati cult appartenenti a tutti i generi e a tutte le epoche della cinematografia mondiale.

Attraverso le otto sale di “Nice Cinemapolis” troverete testimonianze di pellicole come “La Montée vers l’Acropole” (René Le Somptiere, 1920), “Shéhérazade” (Alexandre Volkoff, 1927), “Les pirates du rail” (Christian-Jaque, 1937), “Les Enfants du Paradis” (Marcel Carné, 1945), “Le Mystère Picasso” (Henry-Georges Clouzot, 1955), “Lady L.” (Peter Ustinov, 1964), “La nuit américaine” (Francois Tuffaut, 1972), “Le diamant du Nil” (Lewis Teague, 1985), “À propos de Nice, la suite” (collectif, 1994), “Magic in the Moonlight” (Woody Allen, 2013)

Uno dei ciak utilizzati per “Il conte di Monte Cristo” di Claude Autant-Lara del 1961.

Per ciascun film in mostra troverete il manifesto originale, lettere che documentano le fasi produttive, un oggetto sopravvissuto nel tempo, dei riferimenti precisi ai luoghi di Nizza e della Costa Azzurra dove la storia è stata girata.

“Nice Cinémapolis” è l’esposizione più importante ma in contemporanea ce ne sono altre in città che raccontano il legame tra Nizza e il cinema tra cui vi segnaliamo “Le diable au corps. Quand l’Op Art électrise le cinéma” al Mamac e non lontano dagli studi della Victorine agli Archives municipales de Nice c’è “Martine Carol & Lola Montès” (storia del set ospitato nel 1955 dentro villa Les Palmier, attuale sede degli archivi municipali).

“Nice Cinémapolis” resterà aperta fino al 30 settembre 2019, il biglietto di ingresso costa 10 euro e comprende la visita al museo Masséna e l’ingresso al Mamac.

Trovate tutte le informazioni pratiche sui 123 anni di cinema a Nizza sul sito cinema2019.nice.fr.

“Martine Carol & Lola Montès”
a villa Les Palmier

, , , , , ,

Agenda

Streetfood a Cagnes-Sur-Mer, di scena i sapori italiani

21 Giu , 2019  

Streetfood Cagnes-sur-mer

Lo Streetfood approda a Cagnes-sur-Mer per il secondo anno consecutivo, con un evento che celebra il cibo di strada regionale italiano.

Streetfood è un’idea tutta italiana nata in Toscana nel 2004 da Massimiliano Ricciarini a partire da un progetto di ricerca dell’Università di Siena sulla gastronomia italiana.

Si tratta di un programma volto alla riscoperta della millenaria tradizione del cibo di strada regionale e aperto successivamente anche alle varie zone del mondo. Centinaia di eventi dal 2004 hanno animato e dato sapore alle città italiane, oltrepassando i confine nazionali, arrivando come in questo caso in Costa Azzurra. 

Riproporre le vecchie tradizioni, recuperare cibi scomparsi o in via di estinzione con l’obiettivo di un’alternativa sana e sostenibile alla globalizzazione, socializzare e fare impresa gli obiettivi dichiarati dall’associazione.

Street-Food-Cagnes-sur-mer
Street-Food-Cagnes-sur-mer (foto Michela Dallona)

“È stato il console italiano, il signor De Benedictis, a consigliarci per primo di prendere contatto con questa associazione culturale italiana e, visto il successo dell’anno scorso, quest’anno abbiamo rinnovato l’invito pieni d’entusiasmo” – ci racconta la signora Pierrette Alberici, consigliera municipale di Cagnes-sur-Mer e organizzatrice dell’evento. – “sabato 22 giugno, a mezzogiorno, il console stesso sarà presente in occasione dell’inaugurazione.”

La signora Alberici ci riferisce, inoltre, che sabato sera 20-30 mila persone sono attese in coda ai camioncini in concomitanza con “Promenade en Fête”, manifestazione serale riproposta a Cagnes un sabato al mese per i tre mesi estivi che offre musica sotto le stelle, animazioni per bambini e spettacoli pirotecnici.

E’ così che il 21, 22 e il 23 giugno, dalle 10 alle 22 , da Square Saint-Pierre i produttori Streetfood animano le vie di Cagnes-sur-Mer, nel quartiere di Cros-de-Cagnes.

Street-Food-Cagnes-7-foto-Michela-Dallona.
StreetFood a Cagnes: un truck molto particolare (foto Michela Dallona)

All’Info point troverete lo stand del presidente dell’associazione Streetfood Massimiliano Ricciarini, dove oltre a darci informazioni sull’iniziativa e sull’organizzazione che la gestisce, ci offre e delizia con birra artigianale toscana e Prosecco.

Street-Food-Cagnes, due simpatici chef di strada (foto Michela Dallona)
Street-Food-Cagnes, due simpatici “chef di strada” (foto Michela Dallona)

Ed è proprio Massimiliano Ricciarini che ci accompagna per un “tour guidato” di Streetfood.

“In Italia, dei privati hanno iniziato a richiederci di organizzare eventi “ad hoc” in occasione di matrimoni e cerimonie in generale ed anche altri, dopo di noi, hanno riproposto la nostra idea di organizzare eventi legati al cibo di strada”- ci riferisce il presidente- “Come associazione siamo interessati ora anche e soprattutto a proporci all’estero perché riteniamo le nostre iniziative interessanti per scoprire e promuovere la cultura culinaria italiana”. 

Davanti allo stand siciliano ci decanta le prelibatezze dell’isola:  pane ca’ meusa , pane e panelle , arancine e i cannoli.

Il nostro giro enogastronomico prosegue e le regioni sono rappresentate tutte attraverso i trucks che offrono le specialità locali: dalle Marche le olive all’ascolana, dalla Puglia le classiche bombette di carne di maiale e formaggio, gli arrosticini abruzzesi, le ricette campane a base di scamorza, il tartufo di Alba insieme ai formaggi e salumi piemontesi, gli hamburger di bufala da Lazio.

Streetfood a Cagnes, lo stand laziale che propone hamburger di bufala (foto Michela Dallona)

Ultima tappa di questo viaggio del gusto si conclude con il paese ospitante e le specialità simbolo della Francia: le crepes e le galette bretoni.

La manifestazione prosegue e fino a domenica 23 giugno, dalle 10 alle 22 in square Saint-Pierre a Cagnes-sur-Mer. Sabato 22 il “villaggio” sarà aperto fino a mezzanotte, in occasione della “Promenade en Fête”. Sul sito dell’ufficio del turismo è possibile ritrovare il calendario di questo e di tutti gli altri eventi cittadini.

(Testo e foto di Michela Dallona – Cagnes)

, , , ,

Promenade des italiens

Un perfetto idiota nelle librerie di Nizza

23 Gen , 2018  

“Un perfetto idiota” è un romanzo avvincente e suggestivo e il suo autore lo potreste incontrare mentre si aggira tra le librerie nizzarde.

Frank Iodice, giovane italiano giramondo, da qualche tempo si è fermato a vivere all’ombra del monte Boron e di recente ha dato alle stampe per i tipi del Foglio Letterario questo suo romanzo con una storia che si snoda tra la Costa Azzurra e l’Italia.

Tanti i personaggi che appaiono e che con i loro moti d’animo, più che con le loro azioni, compongono la trama di questo noir che per linea poetica ricorda Izzo, il cantore della vicina Marsiglia.

Nell’intervista all’autore che trovate al fondo di questa pagina, potrete conoscere più da vicino le figure al centro della narrazione e i temi toccati in “Un perfetto idiota”, qui vogliamo aggiungere a corredo del servizio una breve guida alla scoperta delle librerie citate nel servizio.

Inoltre vi invitiamo a non perdere la presentazione del romanzo in programma per venerdì 26 gennaio alle ore 16 presso la biblioteca Raoul Mille al 33 di avenue Malaussena, l’evento è organizzato in collaborazione con il Coalcit, associazione di promozione della lingua italiana di cui vi abbiamo parlato di recente.

Buon ascolto:

Ecco una breve lista di librerie nizzarde che i turisti e appassionati lettori non dovrebbero mancare di visitare:

“Les Journées Suspendues” , 22 Avenue Borriglione nel quartiere Liberation;

“La Briqueterie”, 4 – 6 Rue Jules Gilly nella Vieux Nice;

“La Sorbonne”, 23 rue de l’Hôtel des Postes vicino al Mamac;

Da non dimenticare infine il grande servizio servizio oltre confine dalla libreria “Casella” di via Stazione 1 a Ventimiglia.

, , , , ,