Sécheresse et canicule a Nizza

Di Marco Casa
16 Giu 2022
Sécheresse et canicule a Nizza

La sécheresse et à la canicule le urgenze da affrontare

La sécheresse et à la canicule, la siccità e la canicola sono le urgenze non solo dell’estate oramai  iniziata dal punto di vista meteorologico ma degli anni a venire.

A causa dei cambiamenti climatici si è accelerato il processo di surriscaldamento globale.
Un rapporto del 2021 dell’ONU dice che “la siccità sta per diventare la prossima pandemia e non esiste nessun vaccino per contrastarla.

Entro otto anni la metà della popolazione mondiale vivrà con una carenza cronica di acqua.
In Costa Azzurra in questi primi sei mesi del 2022 c’è stato oltre il 70% in meno di pioggia rispetto al quinquennio 2017-2021 e Météo France prevede un aumento degli episodi di siccità dal 30 al 50% nei da qui al 2070.

La Francia e Nizza in particolare cerca di correre ai ripari, utilizzando un metodo molto naturale per raffreddare la superficie del suo territorio: piantare alberi.

Questo il tema al centro di una conferenza stampa alla Mairie di Nice con i rappresentanti delle istituzioni nizzarde.

Ecco che per contrastare la sécheresse et à la canicule a Nizza verrà accelerato il processo di vegetalisation delle strade urbane come già sta avvenendo, cosa che nelle zone più verdi della città abbassa la temperatura di diversi gradi centigradi rispetto alle strade e piazze più esposte al sole.

Un esempio di vegetalisation urbana a Nizza

Per esempio alcuni giorni fa si sono registrati 31,3° gradi sul lastricato del teatro Nazionale contro i 23 della Promenade du Paillon.

Nizza è diventata la città più alberata di Francia, con un albero ogni 5 abitanti e in futuro sarà la più verde dell’Esagono.
Ecco il cronoprogramma da qui al 2026:
⦁ + 70 hectares d’espaces verts,
⦁ Plantation de 1 arbre/habitant : 70.000 sont déjà plantés, 280.000 sujets nouveaux orneront nos parcs et jardins d’ici 4 ans
⦁ La charte de l’arbre inscrite dans tous les documents d’urbanisme afin que les projets immobiliers tiennent compte des espèces et essences peu consommatrices en eau (micocoulier), captant le plus de CO2 et luttant contre les îlots de chaleur urbains
⦁ Le lancement de l’extension de la Promenade du Paillon
⦁ Le grand parc paysager de la plaine du Var
⦁ La poursuite des trames vertes en centre-ville
⦁ La requalification de la place Ile-de-Beauté
⦁ La création du jardin St Jean d’Angléy
⦁ La requalification du bd Gambetta avec une ligne de bus à haut-niveau de service

Altro capitolo importante riguarderanno le misure contro lo spreco dell’acqua.
Nell’immediato il sindaco di Nizza e presidente della Métropole Nice Cote d’Azur Christian Estrosi consegnerà in collaborazione con Eau d’Azur ai comuni della zona dei « kits d’économie d’eau ».

In futuro per l’irrigazione verrà favorito il riutilizzo dell’acqua trattata in uscita dal complesso Haliotis 2 in costruzione.

Infine, Estrosi intende rinnovare le reti idriche urbane riducendo le perdite che consumano risorse inutilmente. A tal fine, ha chiesto ancora una volta allo Stato sostegno e mezzi finanziari per accelerare questi lavori di ristrutturazione.

Sécheresse et canicule a Nizza: un momento della conferenza stampa di Estrosi

 

Pubblicità

advertisement

Archivio articoli