Coronavirus Costa Azzurra bien expliqué #58

21 Mag 2020

La situazione sanitaria

Al pomeriggio di mercoledì 20 maggio si contavano 418 nuovi casi di persone positive al Covid-19 in Francia, portando a 143.845 il numero totale da inizio Panemia. Sono 17.941 i pazienti attualmente ricoverati negli ospedali dell’Esagono di cui 1794 in terapia intensiva. Purtroppo è alto il numero delle vittime: 28.132.
Nella Région Sud-PACA sempre nella giornata di ieri mercoledì 20 maggio si sono contati 46 nuovi positivi e il totale delle persone entrate in contatto con il virus è arrivato alla cifra di 16.519 contagiati in regione Provence-Alpes-Cote d’Azur.
Attualmente si contano 1045 persone ricoverate di cui circa un decimo in rianimazione, 103, e i morti sono saliti a 862 (7 nuovi decessi nella giornata di ieri).
Più nel dettaglio nelle Alpes-Maritimes sono 137 i pazienti ricoverati nei reparti covid-19, di cui 12 in rianimazione e 172 i decessi.

Nel Var numeri simili: 165 ricoverati, 12 in rianimazione, 125 i decessi. Anche oggi la buona notizia arriva dal Vaucluse dove il numero di chi è in rianimazione resta pari a zero.

Le misure preventive

Due le notizie in evidenza a livello nazionale francese.

I droni non possono più essere usati per sorvegliare la popolazione: la “Lega per i diritti umani” saluta come una “feroce negazione” delle pratiche del quartier generale della polizia di Parigi la decisione del Consiglio di Stato, che non proibisce l’uso droni di sorveglianza come strumento di sorveglianza durante il déconfinement a Parigi.

Autostrade gratis in Francia? Il presidente della regione occitana chiede “pedaggi gratuiti questa estate” per “sostenere il potere d’acquisto dei francesi”.

E veniamo alle notizie dalla Costa Azzurra.

Grazie alle donazioni di privati ​​e imprese raccolte dal Municipio di Cannes durante questa crisi sanitaria, il semplice e concreto sistema #HelpCommerces ha aiutato aziende, commercianti, artigiani e liberi professionisti locali a partecipare o fornire loro fatturato.

Dopo il cioccolato e i pasticceri per Pasqua (ordini per un totale di 7.630 €), poi i fioristi per il mughetto del 1 ° maggio (23.889,50 €), David Lisnard, sindaco di Cannes, hanno voluto intraprendere una nuova azione per dare impulso alle attività commerciali di Cannes del settore dell’abbigliamento.
Pertanto, è stato investito un importo di € 35.730,75 per l’acquisto di abbigliamento base per uomo e donna: pantaloni, pantaloncini, bermuda e leggings (546 pezzi), camicie e camicette (264), polo e magliette (135), felpe, maglie e gilet (333), gonne e abiti (225), giacche, cappotti e piumini (182) e sciarpe (27).

Undici negozi nel centro di Cannes e La Bocca hanno risposto all’ordine comunale, per un fatturato medio di 3.248,25 € per impresa.
Secondo il desiderio di David Lisnard e in accordo con i donatori, questi abiti sono stati distribuiti a senza tetto e a 300 persone seguite dal CCAS di Cannes.

Come parte del piano per la graduale revoca del confinement,nel Principato di Monaco è prevista una riapertura parziale degli asili da martedì 9 giugno a venerdì 28 agosto 2020, se le condizioni alla fine della fase 2 consentire questo. L’accoglienza dei bambini potrà essere effettuata solo nel rispetto norme sanitarie rigorose e vincolanti che richiedono l’istituzione di un’organizzazione specifica.
Di conseguenza, riapriranno solo due stabilimenti: l’Ile aux Bambins e l’asilo nido Monaco-Ville per un totale di 80 posti, riservati all’accoglienza di piccolini i cui genitori per motivi di lavoro hanno difficoltà nell’accudirli.Maggiori inf ormazioni sul Portale Famiglie.

 

I consigli personali

La città di Nizza, con l’autorizzazione dell’associazione Janniot, mette su una maschera la faccia inferiore dell’Apollo della Fontana del Sole in Place Masséna.

Dunque un testimonial urbano nizzardo d’eccezione per ricordarci l’importanza di indossare la mascherina, il primo dei gesti barriera.

Apollo, un personaggio della mitologia greca con più simboli, brilla a Nizza con la sua corona solare. È un dio guaritore, luce, armonia, protezione … Apollo, dio della musica e della poesia, riunisce la gente di Nizza. È intorno a lui e alla Fontana del Sole che i Niçoises e i Niçois si riuniscono per momenti di festa o commemorativi.

Apollo, in connessione con i personaggi di Jaume Plensa (quello delle statue di Place Masséna “Conversazione a Nizza”) e con la sua maschera #ProtegeonsNous, ci invia un messaggio: quello di vegliare l’uno sull’altro, in particolare in questo periodo di crisi sanitaria.

(Per la foto di copertina si ringrazie la Ville de Nice)

Pubblicità

advertisement

Archivio articoli