Covid Costa Azzurra nuove disposizioni

Di Marco Casa
30 Dic 2021

L’aumento vertiginoso dei casi di Covid in Costa Azzurra preoccupa le autorità

Come raccontato sulle nostre pagine questa mattina, l’aumento dei casi di positività nella Région Sud e nei dipartimenti delle Alpes-Maritimes e del Var ha portato le istituzioni locali a compiere delle scelte.

Se da un lato dà speranza il fatto che nelle Alpes-Maritimes l’85% della popolazione abbia ricevuto una doppia dose di vaccino, scongiurando il manifestarsi di forme gravi di malattia, dall’altro preoccupa che con una platea più vasta di positivi al Covid-19 i letti nei reparti di rianimazione degli ospedali maralpini siano già quasi tutti pieni.

Dunque il sindaco di Nizza, nonché presidente della Métropole Christian Estrosi ha preso alcune decisioni per evitare assembramenti nelle ore serali e notturne e per poter dispiegare la polizia municipali in altre zone sensibili della città durante le serate delle festività.

Le marché de Noël di Nizza il 31 dicembre chiuderà alle 19, il primo gennaio alle 22 e il 2 gennaio alle 20.

Anche la Fête foraine de Nice (il Lunapark) chiuderà i battenti definitivamente sabato sera 1 gennaio, con un giorno di anticipo: avrebbe dovuto chiudere domenica 2 gennaio.

Non è escluso che altri eventi pubblici anche sportivi previsti per le prossime settimane vengano cancellati o spostati in periodi migliori.

Infine anche il sindaco di Cannes, David Lisnard si è dovuto arrendere alla decisione del prefetto Gonzalez di interdire i fuochi d’artificio (non solo gli spettacoli pirotecnici ma anche i così detti “botti di fine anno”) anche a Cannes. Vietati in tutte le Alpi Marittime già dal 17 dicembre scorso e fino al 2 gennaio, anche a Cannes fuochi vietati dalle 16 del 31 dicembre fino alle 6 del mattino del 2 gennaio.

 

Pubblicità

advertisement

Archivio articoli