Charles Nègre nuova mostra a Nizza

31 Mag 2021

I Musei di Nizza hanno da poco riaperto le loro porte e molti hanno prolungato le loro esposizioni temporanee, la cui visita era stata sospesa durante il confinement.

Di Antonella Fava

Il Musée de la Photographie Charles Nègre di Nizza propone per l’occasione e fino al 13 giugno una nuova esposizione, completamente gratuita. Essa celebra il bicentenario della nascita di Charles Nègre, il noto pioniere della fotografia che dà il nome al museo e permette al tempo stesso di riscoprire Nizza e la vita quotidiana dei suoi abitanti di un secolo e mezzo fa.

Durante l’esposizione, la Galerie du Musée propone ai visitatori un “Escape Game virtuel”, “Sur les traces de Charles Nègre”, che permette di riscoprire in modo ludico le fotografie del celebre fotografo.

 

Charles Nègre – autoritratto 1863

Nato a Grasse nel 1820, Charles Nègre è uno dei primi realizzatori della stampa fotografica su carta e uno dei maestri della sua estetica nascente.
Dedicatosi a studi di pittura, ha sempre tenuto lungo tutta la sua vita a fregiarsi del titolo di pittore. Dal 1844 comincia a lavorare con il mezzo nascente della fotografia utilizzandola inizialmente come uno strumento di ricerca al posto degli studi preparatori per le sue opere.
La fotografia prende sempre più spazio nella sua creazione artistica e il passaggio definitivo a quest’arte avviene nel 1950 quando apre il suo primo studio a Parigi.

Prestava grande attenzione alla stampa e probabilmente aveva ampie nozioni di fisica e chimica per riuscire dosare i prodotti correttamente. Spesso rielabora i negativi e le stampe attraverso il disegno. Nell’esposizione di Nizza ci sono interessanti esempi di questa pratica.
I tempi lunghi necessari all’epoca avevano in caso di soggetti in movimento l’effetto di rendere questi ultimi sfocati e spesso indistinguibili. Nelle foto esposte raffiguranti il corteo funerario dello zarevič Nicola a Nizza si vede chiaramente come sia intervenuto ridisegnando i partecipanti al funerale per ottenere uno scatto verosimile, drammatico e preciso.

Un celebre scatto di Charles Nègre

Charles Nègre ha apportato molto alla fotografia sia livello di tecnica che di talento artistico. Grazie a lui la fotografia di strada è diventata possibile: al contrario dei suoi contemporanei che restano chiusi negli studi per realizzare delle messinscene esotiche, Charles Nègre non esita a uscire dal set, anche se non si tratta ancora di fotografia presa dal vero.

Nel 1851 torna nel sud della Francia dove realizza un centinaio di scatti di monumenti, resti archeologici, paesaggi naturali o urbani allo scopo di pubblicare una serie di album dal titolo “Le Midi de la France”.

Charles Nègre – Garibaldi 1863

Brevetta tecniche e procedimenti rivoluzionari che gli permettono, al momento della commessa da parte dello Stato francese di una serie di foto alla Cattedrale di Chartres di realizzare dei veri e propri capolavori.

Si trasferisce definitivamente a Nizza nel 1863, appena dopo il rattachement alla Francia. Qui ottiene un posto come professore di disegno al Lycée Imperial. Apre anche un atelier fotografico che ottiene un certo successo con i ritratti in studio. In questo periodo realizza anche un catalogo di panorami della città destinato alla ricca clientela dei primi villeggianti.

È uno dei più grandi fotografi a rappresentare la regione con un’attenzione alla documentazione sistematica dei paesaggi. Di questo periodo si conoscono circa 150 fotografie, 40 di queste fanno parte della collezione permanente del Musée de la Photographie e sono qui esposte. Costituiscono una testimonianza eccezionale delle trasformazioni del paesaggio nizzardo e delle sue colline dopo l’annessione di Nizza alla Francia.

Per tutte le informazioni sulla mostra: museephotographie.nice.fr.

Pubblicità

advertisement

Archivio articoli