Il Musée d’Histoire Maritime di Saint-Tropez – Côte à côte

Di Antonella Fava
25 Mar 2022
Musée d'histoire maritime

Oggi Côte à côte vi porta a Saint-Tropez, ma non sulle famose spiagge o sul celebre porto, bensì nella sua Cittadella a visitare un museo davvero originale e dall’allestimento spettacolare, il Musée d’histoire Maritime.

Ascolta la puntata di Côte à côte dedicata al Musée d’Histoire Maritime di Saint-Tropez

 

Musée d'histoire maritime

La Cittadella di Saint-Tropez

La Cittadella che domina sul villaggio dall’inizio del XVII secolo era la costruzione di difesa più importante tra Antibes e Tolone. Dal 1958 fu sede del Museo Navale, chiuso poi nel 2002 per permettere i lavori di ristrutturazione del torrione.
Dal 2009 cominciano i lavori di restauro degli interni che ospiteranno il nuovo museo municipale. Esso continuerà ad avere la tematica marittima come filo conduttore, ma con l’accento posto sulla cittadina di St-Tropez.

Il Musée d’Histoire Maritime

Il nuovo Musée d’Histoire Maritime è visitabile dal 2013 e offre un’esperienza a tutto tondo. In una scenografia curata sin nei minimi dettagli, il visitatore è condotto di sala in sala a vivere e condividere istanti di vita dei marinai tropeziani lungo i secoli; a immergersi nello spirito delle diverse epoche; a scoprire i documenti e i mezzi scientifici; ad osservarne le foto, i documenti filmati e i reperti; ad ascoltarne le voci e le testimonianze.

Musée d'histoire maritime

Un’esperienza multimediale

Video, contributi audio e documenti originali rendono ognuna delle 18 sale un’esperienza multisensoriale che lascia il segno. L’accuratezza delle ricostruzioni e tutti i documenti interattivi fanno sì che l’immersione sia totale. Suoni, luci, allestimenti, dettagli, spazi sfruttati in modo intelligente e artistico, tutto è organizzato in modo da rendere quest’esperienza qualcosa di emozionante.

L’itinerario ideale è concepito per mostrare un tema per sala. Questo anche a causa della struttura del monumento, fatto di piccoli spazi (soprattutto al piano terra), che si diramano in propaggini verso le torrette ai vertici del perimetro. Ogni sala possiede un’atmosfera propria e cattura il visitatore anche attraverso la sua curiosità, proponendogli cassetti da aprire con documenti, carte esplicative e approfondimenti, schermi interattivi, cuffie con documenti sonori e proiezioni d’epoca.
I 250 pezzi da collezione, acquisiti o prestati dalle famiglie tropeziane, trovano il loro posto naturale in questo universo.

Il percorso della visita

La visita inizia al piano terra del torrione, con le prime attività che ebbero luogo a St-Tropez: il porto, la pesca, il cabotaggio, le attività industriali e la scuola di idrografia.
Al primo piano un omaggio è reso ai capitani di lungo corso e ai grandi personaggi che hanno segnato la storia tropeziana. La sala seguente è dedicata ai cittadini illustratisi nella marina da guerra. Si prosegue poi con le attività marittime commerciali: il visitatore accompagna i tropeziani per mare nel Mediterraneo orientale per commerciare prima con gli Ottomani nel XVIII sec.; poi oltre lo stretto di Gibilterra sulle coste africane e indiane negli anni attorno al 1850; infine scopre con lui i viaggi nell’emisfero australe, affrontando il terribile Capo Horn nel XIX e all’inizio del XX secolo.
L’ultima sala evoca il tempo delle navi da crociera, periodo che comincia verso il 1850 e che termina nel 1950 quando gli aerei di linea sostituiranno definitivamente i transatlantici.

All’ultimo piano una terrazza offre una vista panoramica sul golfo di Saint-Tropez e sul mare aperto, nonché sulla struttura architettonica della stessa Cittadella. Questo museo è un bellissimo omaggio al mare da parte dei cittadini di Saint-Tropez che proprio grazie al mare hanno saputo costruire la loro identità e una storia che ha lasciato tante tracce negli archivi e nei ricordi di famiglia.

Consultate il sito del museo per preparare la vostra visita

 

(Foto di Antonella Fava©)

Pubblicità

advertisement

Archivio articoli