Rivalta espone a Mougins

18 Set 2020

Le sculture di Davide Rivalta “abitano” il villaggio di Mougins

Fino al 27 settembre la cittadina della Costa Azzurra ospita in occasione della rassegna “Mougins Monumental” le sculture di Davide Rivalta.
Il pittoresco villaggio medievale che è sede di numerosi atelier di artisti e invitanti terrazze di ristoranti diventa per qualche mese l’habitat naturale degli animali creati dallo scultore bolognese.
Gorilla, leoni, bufale, ghepardi, lupi, babbuini e rinoceronti sembrano passeggiare indisturbati per le vie della cittadina che da 6 anni a questa parte ospita durante l’estate esposizioni di sculture monumentali “en plein air”.

I leoni di Davide Rivalta a Mougins (ph. Antonella Fava)

Quelle di Davide Rivalta sono sculture in bronzo, acciaio, alluminio o resina che restituiscono la libertà ad animali che solitamente si osservano in cattività.
“Visiteur inouïs” questo il titolo dell’esposizione che con il gorilla di tre metri d’altezza e più di una tonnellata di peso che campeggia in place du lieutenant Isnard arriva davvero a sorprendere il visitatore con una “presenza inaudita”.

Un cavallo in piazza di Davide Rivalta (ph. Antonella Fava)

Gli animali di Davide trasmettono un movimento che nasce dalla materia nella quale sono scolpiti. La loro massa monumentale è infatti percorsa da energie che affiorano alla superficie grazie al modo in cui la materia è plasmata. La forma lavorata in modo apparentemente grezzo rivela a uno sguardo più attento uno studio profondo delle forze che attraversano questi corpi selvatici.

L’orso in piazza dello scultore Davide Rivalta (ph. Antonella Fava)

C’è qualcosa di primitivo e al tempo stesso incredibilmente elegante nel dinamismo rappresentato da queste sculture dall’apparenza massiccia, un contrasto che rispecchia quello tra la natura selvaggia e uno stato addomesticato delle pulsioni profonde che si placano infine, convivendo con l’uomo nello spazio urbano.

Davide Rivalta nasce a Bologna nel 1974. Le sue opere sono state scelte per installazioni permanenti urbane a Ravenna, Rimini, Trieste e Neuchâtel e ha esposto in numerosi musei d’arte contemporanea in Italia e nel mondo. La Costa Azzurra ha già ospitato delle sue opere nel 2017 ad Antibes.

Per sapere di più sulle sue opere, sulle mostre e sulle installazioni andate sul suo profilo Instagram.

Testo e foto di Antonella Fava.

Pubblicità

advertisement

Archivio articoli