Déconfinement e tutti in spiaggia a Nizza

21 Mag 2020

Il déconfinement e gli appelli alla prudenza che sembrano essere caduti nel nulla, per molti nel pomeriggio di oggi a Nizza.

Complice la giornata estiva e festiva (oggi è l’Ascensione), la spiaggia di fronte all’hotel Negresco si è popolata di persone che non si sono limitate a nuotare o camminare senza sostare, ma si sono fermate a prendere il sole (c’era chi giocava a carte) anche in gruppi di più individui.

Dunque alla prima occasione c’è chi ha contravvenuto alle regole e non si è palesato nessuno che le facesse rispettare.

Certo i gruppi di persone come vedete dalla foto sono ben distanziati, ma all’interno di ciascuno di essi non c’è la distanza fisica che dovrebbe esserci e non è detto che siano tutti conviventi sotto lo stesso tetto.

Se quella di oggi è stata una prova generale possiamo dire che non è andata bene e nel fine settimana potrebbe anche andare peggio.

Certo è che è impensabile obbligare le persone a non rilassarsi in spiaggia e dal mese di giugno saranno sempre più numerose.

Forse allora andrebbero riviste le regole per accedere ai 6 chilometri di spiagge nizzarde che dovrebbero essere sufficientemente ampie per contenere i frequentatori ben distanziati, senza mettere regole impossibili da fare rispettare in una grande città.

Allora tutto si giocherebbe sul senso di responsabilità di ciascun bagnante nel non stare troppo vicino ad altre persone ma anche la presenza di un occhio vigile da parte delle istituzioni, ovvero qualcuno che passi a controllare sarebbe gradito.

Pubblicità

advertisement

Archivio articoli