Tre morti a Nizza, un nuovo attentato

29 Ott 2020

Tre persone assassinate alle ore 9 del mattino di giovedì 29 ottobre a Nizza.

Due persone sono state uccise mentre si trovavano nella chiesa di Notre Dame, nella centralissima avenue Jean Medecin.

L’omicida avrebbe aggredito le vittime con un coltello.

Ci sarebbero anche dei feriti, oltre a una terza vittima e la polizia ha fermato l’assalitore, il ventunenne tunisino Brahim Aoussaoui.

Le vittime sono due donne e il sacrestano di Notre Dame, Vincent Loquès, noto anche ai molti italiani che si recano a messa nella basilica di Medecin.

Durante l’operazione di polizia si sono uditi spari nel quartiere. Molte sirene spiegate di forze dell’ordine e soccorsi.

Sul posto si è recato anche il sindaco di Nizza Christian Estrosi e nel pomeriggio alle 15 anche il presidente francese Macron.

Non si esclude la pista dell’attentato a sfondo religioso, all’indomani delle proteste del mondo arabo per la netta presa di posizione della Francia

in favore della laicità dello stato a seguito dell’omicidio del professore Samuel Paty “colpevole” di avere tenuto in classe una lezione sulla libertà di espressione

a partire dalle vignette di Charlie Hebdo.

La Tunisia ha condannato il gesto e si è messa a disposizione della Francia per le indagini.

Pubblicità

advertisement

Archivio articoli