Coronavirus Costa Azzurra bien expliqué #32

15 Apr 2020

La situazione sanitaria

Nel pomeriggio di matedì 14 aprile i positivi al Covid-19 in Francia erano 103573, con un aumento di 5497 unità dal giorno precedente.
I decessi erano 15729, 559 nelle ultime 24 ore, le persone in rianimazione 6730.
Nella Région Sud alla stessa ora di ieri i positivi in ospedale erano 1905, 423 in rianimazione, i decessi di persone positive al Covid-19 erano 375.
Ecco la situazione nel dettaglio, sempre al pomeriggio del 14 aprile:

H: Hospitalisation, R: Réanimation, d:Décès

Alpes-de-Haute-Provence: 34 h, 4 r, 5 d

Hautes-Alpes: 46 h, 13 r, 3 d

Alpes-Maritimes: 282 h, 79 r, 81 d

Bouches-du-Rhône: 1135 h, 261 r, 200 d

Var: 329 h, 48 r, 64 d

Vaucluse: 73 h, 17 r, 22 d

Le misure preventive

Il primo cittadino di Cannes David Lisnard ha scritto ai sindaci della Région Sud per chiedere un’azione comune rispetto alla possibilità espressa dal presidente Macron di riaprire le scuole in Francia l’11 maggio.
Numerose le perplessità su questa decisione, poiché non potrebbero essere garantiti tutti i gesti barriera necessari per isolare il virus che potrebbe tornare a circolare nelle famiglie dei ragazzi.
Dalla scuola al turismo, sempre Lisnard il sindaco di Cannes ha chiesto allo stato centrale un “piano Marshal” per affrontare la crisi e ha dichiarato: “Vogliamo sapere al più presto il piano specifico menzionato per i settori del turismo, hotel, ristorazione, cultura ed eventi che non sembra ancora essere stato elaborato per uscire dalla crisi”.
Intanto è apparso in rete un nuovo video del dottor Raoult in cui si dice ottimista per la fine della pandemia in Francia, ipotizzando che il virus possa sparire nel giro di alcune settimane e dice: “A Marsiglia il covid-19 arretra sempre di più e a dimostrarlo sono le cifre. Al momento del picco avevamo 368 casi di pazienti positivi al giorno, oggi siamo a 80 casi al giorno.”
Ricordiamo che Raoult è direttore dell’IHU Mediterranée Infection e promotore di una cura basata su un mix di farmaci antimalarici e antibiotici.

 

I consigli personali

La scrittura può essere un buon modo terapeutico per esorcizzare le paure e progettare il domani.
Vi segnaliamo due iniziative, per francofoni e italofoni, promosse rispettivamente dal comune di Cannes e da quello di Milano.
“Parole barriera e parole nell’aria: scrivere insieme contro il virus” è lanciato dalla rete della biblioteca multimediale di Cannes e si svolgerà dal 13 aprile al 25 giugno 2020.
La quinta edizione del concorso di scrittura “Ecrire Cannes”, inizialmente previsto per l’autunno, inizierà il 13 aprile, in collaborazione con ERACM. I partecipanti sono invitati a inviare il loro racconto o scenario sul tema del contenimento entro il 20 maggio. La cerimonia di premiazione, previa deliberazione di una giuria, composta da specialisti in letteratura e scrittura, si svolgerà il 25 giugno durante la giornata “Les Auteurs cannois en lumière”. Informazioni sul sito di Cannes.

Francesco Carrubba e Better days, agenzia creativa, promuovono #Telefonami, una storia narrativa collettiva pubblicata online a cui chiunque può contribuire inviando parole, prose, poesie, foto, video, disegni, fumetti, etcetera. Il racconto collettivo è aperto a tutti e in modo gratuito, informamazioni sul sito del comune di Milano.

Pubblicità

advertisement

Archivio articoli