Musée Pierre Bonnard

Il Museo Pierre Bonnard a Le Cannet – Côte à côte

Di Antonella Fava
8 Dic 2023

Oggi per Côte à Côte andiamo al museo e precisamente a visitare quello dedicato a Pierre Bonnard che si trova a Le Cannet, nell’immediato entroterra di Cannes. Conosciamo dunque questo artista e la sua arte, prima di addentrarci tra le sale del museo, che è l’unico al mondo interamente dedicato alla sua opera.

Ascolta il podcast!

 

Pierre Bonnard

Pierre Bonnard (1867-1947) è stato un importante pittore francese della fine dell’Ottocento e del primo Novecento e ha goduto di una reputazione internazionale. Attento a tutti i movimenti del suo tempo, dall’Impressionismo al Surrealismo, Pierre Bonnard ha seguito un percorso singolare al di fuori di qualsiasi movimento, a parte i Nabis, di cui fu uno dei fondatori insieme, tra gli altri, a Édouard Vuillard, Mauris Denis e Félix Vallotton.
Fortemente influenzato dalle idee di Paul Gauguin, sviluppò tuttavia un’opera indipendente e inclassificabile.
Molto attivo nelle arti grafiche e decorative e tentato per un certo periodo dalla scultura, Pierre Bonnard fu soprattutto un pittore. Osservatore dotato di una grande memoria visiva, lavorò esclusivamente nel suo studio, privilegiando i generi classici della pittura figurativa: il paesaggio, la marina, la natura morta, il ritratto e il nudo femminile, che combinò anche nelle sue scene d’interni. I suoi soggetti, tratti dalla vita quotidiana, e il suo modo di trattarli gli sono valsi l’etichetta di “pittore della felicità”, “intimista borghese” o “ultimo degli impressionisti”. Tuttavia studi e retrospettive rivelano un’opera più complessa e innovativa di quanto non sembri: la sua tavolozza sempre più ricca e vibrante lo ha reso uno dei più grandi coloristi del XX secolo.

 I Nabis

Fondato da Sérusier, Bonnard, Denis, Ranson e Ibels il gruppo che si definì Nabis (da una parola ebraica che significa “iniziato” e “profeta”) rientrava nel simbolismo, che mirava a esprimere i misteri del mondo, a riscoprire la spiritualità prosciugata dal materialismo e, in arte, dal naturalismo. Era ciò che Gauguin cercava di ottenere esaltando i colori per il loro potenziale emotivo. Le sue opere confermano i principi dei Nabis: rifiuto di copiare pedissequamente la natura, blocchi di colori virulenti non sempre realistici, tinte piatte che cancellano la profondità, forme schematizzate, divise da una linea. I Nabis sostenevano una forma d’arte totale che non si limitava ai formati classici dei dipinti da cavalletto. Volevano abbellire la vita creando dipinti che potessero trovare posto nella vita di tutti i giorni. L’arte deve aiutarci a vivere meglio. Da qui i grandi formati, le ambientazioni, le piccole icone e gli oggetti di uso quotidiano come paraventi, ventagli e vetrate.

Museo Pierre Bonnard

Il giapponismo

La moda del giapponismo, iniziata a metà Ottocento e giunta al suo apice intorno al 1890, attrae i Nabis per l’uso di colori puri senza gradazioni, il rinnovamento della prospettiva con i soggetti ripresi dall’alto o dal basso. All’interno del gruppo Bonnard è il più influenzato dall’arte giapponese, il giovane critico Félix Fénéon lo definisce “le nabi très japonard”.
Piani giustapposti senza prospettiva, stilizzazione e assenza di modellazione, impressione di un collage di tessuti stampati. Queste sono le caratteristiche delle sue tele in stile giapponese di prima del 1900. Anche se Bonnard abbandonò in seguito queste tecniche, continuò a cancellare la profondità e a ridurre i piani alla superficie, come Matisse. A partire dal 1893, anno in cui conosce Marthe, sua modella e compagna che 32 anni dopo diventerà sua moglie, il nudo fa la sua comparsa in modo massiccio nelle sue opere. Apparsa in circa 140 dipinti e 700 disegni, mentre leggeva, cuciva o usava la toilette, Marthe gli ha probabilmente ispirato anche la creazione di passanti. 

Museo Pierre Bonnard

La svolta impressionista

L’estate del 1895 segna per Bonnard la svolta, quando abbandona l’estetica nabi a favore dell‘impressionismo cominciando a privilegiare le pennellate a piccoli tocchi e il dissolversi delle forme nei colori.
Nel 1899 apre il suo studio ai piedi della Butte Montmartre. Ammiratore di Rodin, si cimenta per un breve periodo nella scultura. Si dedicò anche alla fotografia fino al 1916 circa, realizzando circa 200 scatti con la sua macchina fotografica portatile Kodak, non per scopi artistici, ma per catturare momenti di vita intima o familiare da utilizzare nei suoi dipinti. La sua maturità artistica sembra essere raggiunta attorno al 1908: non dominano più le tinte piatte dei Nabis, la sua tavolozza si è alleggerita ed è attenta alla composizione. Gli anni Venti gli portano agio e fama.

Museo Pierre Bonnard

L’arte di Bonnard

I quadri di Bonnard sono afocali, l’occhio si muove senza riuscire a mettere a fuoco un punto piuttosto che un altro. Bonnard ha incorporato molto presto quella che chiamava visione “mobile” o “variabile”, cioè il fatto che tutto sollecita lo sguardo. È stato uno dei primi a tentare di rappresentare sulla tela l’integrità del campo visivo, incorporandovi la “visione laterale”. Bonnard estende la sua attenzione a tutto, avvicinando all’occhio ciò che la prospettiva classica teneva lontano.
È stato notato che le tele di Bonnard sono spesso costruite attorno a una sorta di vuoto, che svolge un ruolo strutturale, cromatico e distributivo. Lo specchio, da parte sua, diventa il mezzo plastico di passaggio tra il visibile e l’invisibile. L’uso dello spazio, la moltiplicazione delle dimensioni e le illusioni ingannevoli creano nuove visioni pittoriche.
La sua tavolozza divenne sempre più vivace durante gli anni Venti e Trenta, l’infatuazione di Bonnard per il Midi rafforza la sua ricerca di un equivalente cromatico dell’intensità della luce. Lampi di giallo o di arancione illuminano i suoi dipinti e, soprattutto nelle scene d’interni, il bianco viene utilizzato accanto ai colori vivaci per una maggiore luminosità. Le sue ultime tele sono inondate da una luce dorata e una fotografia del suo studio di Le Cannet del 1946 mostra appesi al muro i pezzetti di carta argentata che utilizzava per misurare l’intensità della luce.

Museo Pierre Bonnard

La scoperta della Costa Azzurra

Intorno al 1904 Pierre Bonnard scopre la Costa Azzurra a Saint-Tropez e a Nizza. Trascorse diversi periodi nel sud della Francia, prima di stabilirsi a Le Cannet intorno al 1920. All’epoca era una piccola città, rinomata come stazione climatica invernale. Non volendo vivere vicino al mare, preferendo evitare la folla e gli edifici, Bonnard scelse il quartiere di La Colle e Le Bosquet per il suo incomparabile panorama. Il canale della Siagne sarà il suo luogo preferito per le passeggiate.
La vicinanza dell’amico Matisse, che soggiorna a Nizza, e la presenza di Lebasque a Le Cannet gli consentono di mantenere un costante contatto sociale e artistico.
Morì il 23 gennaio 1947 e fu sepolto nel cimitero di Notre-Dame des Anges accanto alla moglie, morta nel 1942. Alla morte di Pierre Bonnard, la sua proprietà fu oggetto di una causa che durò più di 20 anni. Abbandonata per tutti questi anni, la casa fu venduta nel 1968 a Charles Terrasse, nipote del pittore.

Museo Pierre Bonnard

Le Cannet

Pierre Bonnard visse dunque a Le Cannet dal 1922 al 1947. Affittò tre ville prima di acquistare Le Bosquet nel 1926, dove si ritirò definitivamente dal 1939 fino alla sua morte nel 1947. I paesaggi di Le Cannet e la luce del Midi furono per lui fonti inesauribili di ispirazione. È in questo periodo, durato quasi 25 anni, che dipinse i suoi quadri più ispirati, quelli che gli specialisti ritengono essere le sue opere migliori. Quasi 300 opere sono state dipinte a Le Cannet. Esse riflettono i paesaggi, i colori e l’atmosfera di questo ambiente mediterraneo. La casa stessa è stata l’ambientazione di molti dei suoi dipinti. Alcuni, come L’Amandier en fleurs, Vue du Cannet e Nu dans la baignoire, sono famosi in tutto il mondo. Il paesaggio circostante ha avuto un effetto profondo su Bonnard, come la Sainte-Victoire per Cézanne o Giverny per Monet. È questa storia di legami e identità tra Bonnard e Le Cannet che conferisce al museo una profonda legittimità.

Museo Pierre Bonnard

L’itinerario Sulle orme dei grandi maestri allestito lungo la Costa Azzurra.

Un percorso è stato creato a partire dai dipinti creati da Bonnard a Le Cannet, rappresentati nei punti chiave da leggii. È una delle porte d’accesso al mondo del pittore, alla sua ricerca sul paesaggio e sulla luce. Bonnard esplora tutte le risorse pittoriche offerte dalla sua casa, così come le vedute sui paesaggi di Le Can

net, i tetti rossi, l’Estérel e il Mediterraneo. Pierre Bonnard ascolta la natura e raccoglie immagini e odori. Su un taccuino annotava le sue impressioni e le condizioni atmosferiche e disegnava schizzi che servivano da promemoria per i suoi dipinti.

Museo Pierre Bonnard

Il museo

L’edificio che ospita oggi il Museo Pierre Bonnard a Le Cannet è uno degli ultimi esempi rimasti qui di architettura Belle Époque: l’Hôtel Saint-Vianney, del 1908. La parte moderna del museo è stato costruita nell’ambito di un più ampio progetto urbanistico di riqualificazione del centro storico di Le Cannet.
Inaugurato nel 2011 è l’unico museo al mondo interamente dedicato all’opera di Bonnard. Le collezioni del museo comprendono una gamma eccezionale di opere prodotte a Le Cannet. Con oltre 200 opere, il Musée Bonnard si avvale della collaborazione del Musée d’Orsay, di depositi di collezionisti privati e di donazioni. Le esposizioni vengono rinnovate ogni 4 o 6 mesi alternandosi a mostre temporanee che presentano anche altri artisti.

 

(Foto di Antonella Fava©)